Renzi e il trucco della Cassa Depositi e Prestiti

Non si può certo dire che, a modo suo, Renzi non lo manda a dire chiaramente. Dopo aver messo al dicastero del tesoro un garante della troika, già nel suo discorso di insediamento, chiarisce subito da che parte sta. Chiarisce subito che gli amici li onora, e lo fa anche di più e più velocemente di altri.
Basta esaminare nel suo contesto la proposta scoop sui debiti della Pubblica Amministrazione. Scoprire come utilizza lo stesso trucco realizzato tante volte. Leggi tutto “Renzi e il trucco della Cassa Depositi e Prestiti”

Del Rio fa la Fornero

Troppa grazia. Al giuramento dei ministri avevamo confessato di confidare nella velocità del nuovo Presidente del Consiglio a ciò che la vita del terzo governo Monti si consumi in un tempo minore degli altri due. Però, francamente, non ci aspettavamo tanto. Non ci aspettavamo che, ancor prima di ottenere la fiducia delle Camere, già si precisa che si comporterà come l’ex ministra Fornero. Leggi tutto “Del Rio fa la Fornero”

Il Parlamento? Un bivacco di manipoli

E’ proprio una maledizione quella che ciclicamente colpisce il povero popolo italiano. La maledizione di dover sopportare cicli ventennali di sospensione dei diritti democratici.
Ora, nel 2014, di nuovo dobbiamo assistere ad un’altra involuzione autoritaria. Non c’è alternativa, ogni qual volta il personale politico non sa cosa fare e come governare imbocca sempre scorciatoie fascisteggianti. Leggi tutto “Il Parlamento? Un bivacco di manipoli”

Nasce il Monti ter

Il gioco è fatto. Dalla rottamazione della sinistra nasce il terzo governo stile Monti.
Abbiamo atteso, prima di dare un giudizio, la lista dei ministri. Volevamo capire bene cosa ci poteva essere dietro gli slogan ad effetto e le smargiassate di Renzi. Eravamo un pò curiosi di cosa sarebbe riuscito a presentare di nuovo e di discontinuo, come ora va di moda dire. Ma nulla di nuovo dalla rottamazione renziana. Leggi tutto “Nasce il Monti ter”

Ma quale rispetto delle Istituzioni?

Il bonton. Il rispetto delle regole. Il civile dibattito. Il confronto delle idee. Le regole del dibattito.
Ma che dicono? Ma dove vivono i parlamentari e la stampa ufficiale?
In merito, permetteteci alcune semplici domande.
-Ci può essere un dibattito, ed ancor più fatto civilmente, tra un onesto e un disonesto? Su che cosa potrebbero dibattere per il bene dei cittadini? Galera si, galera no? Leggi tutto “Ma quale rispetto delle Istituzioni?”

L’autocritica, giovani vecchi sporcaccioni, “a pucchicchira in mano a e creature”

Era da un pò di tempo che, riflettendo sulle mutazioni delle forme della politica, andavamo dicendo che ci trovavamo di fronte alla politica formato telequiz. E vedevamo nel giovane Renzi il conduttore del gioco, il quale domandava la busta prescelta” la uno, la due o la tre?”. Come se in politica, per un partito, prendere la uno fosse la stessa cosa di prendere la tre. Leggi tutto “L’autocritica, giovani vecchi sporcaccioni, “a pucchicchira in mano a e creature””

Incapaci o bugiardi?

Che strano! Che bravi padri di famiglia sono i membri di questo governo! Ma principalmente che genii dell’alta economia sono!
Pensate, in una crisi economica e finanziaria, dovuta essenzialmente ad una speculazione sul debito pubblico del nostro paese, quale grande trovata alla fine ci spiattellano. Per diminuire il debito pubblico si vendono le uniche cose che producono reddito allo Stato. Vendere il banco posta. Leggi tutto “Incapaci o bugiardi?”

Il ladro (di consenso) di Firenze

Ci risiamo, alla fine si scopre che spesso il nuovo altro non è che il vecchio travestito o portato da persone di una età minore.
Una conferma già si profila nel comportamento di Renzi.
Anche lui, secondo le peggiori tradizioni della politica italiana, mente sapendo di mentire e travisa i fatti storici. Lo ha fatto in questi giorni, per conquistare consenso alla sua proposta elettorale, di cui in questo contesto ci asteniamo da commenti. Leggi tutto “Il ladro (di consenso) di Firenze”