Siti utili Associazioni


Campagne politiche


Sottoscrizione leggi iniziativa popolare


Chi siamo


L'Organizzazione


La vignetta più bella


10 domande a B. De Vita


Editoriali di M. Albanesi


Da dove veniamo


Il Punto di M. Novelli


Questa riforma della Costituzione è contro i risparmiatori, perché? PDF Stampa E-mail
Comunicati Stampa

In particolar modo la Riforma di Renzi è contro i risparmiatori. Infatti non si può mai dimenticare che la prima cosa su cui uno speculatore finanziario vuole mettere le mani è il risparmio popolare. E’ la fonte primaria dei suoi guadagni. E ciò vale particolarmente in quei paesi, in cui esiste una alta propensione al risparmio, come in Italia. Dove il risparmio privato è addirittura superiore al debito pubblico.

La norma europea del ”bail in”, portata prepotentemente alla ribalta dal voto inglese sulla “brexit” ne è la più cocente delle costatazioni. In cui l’uscita di un paese da questa Europa dei finanzieri e dei mercanti, ha terremotato il mercato borsistico, che porta come diretta conseguenza grande difficoltà delle banche, anche italiane in quanto troppo esposte perché troppo poco oneste. Ed alla fine quelli che rischiano più grosso diventano gli ignari risparmiatori. Vi domanderete cosa c’entra con la riforma della Costituzione di Renzi una norma europea sulle banche. Semplice. Questa norma consente ai banchieri ed ai loro padroni dei fondi di investimento, di far pagare ai cittadini risparmiatori i danni delle loro ruberie, dei loro regali, fatti a se stessi ed agli amici degli amici. I quali sono chiamati a pagare, solo in quanto depositanti in conti correnti, hanno solo il torto di essersi fidati di loro e della Banca d’Italia che li garantiva. Il tutto alla faccia della nostra Costituzione che invece garantisce il risparmio. Ed allora delle due l’una o, se questa nostra Costituzione continua ad imporre, per legiferare e ratificare trattati internazionali, il principio dell’equilibrio dei poteri senza che nessuno possa disporre di un potere assoluto ed incontrollabile, il risparmiatore italiano continua ad avere strumenti sufficienti per impedire certi accordi. Accordi che anche quando siano già ratificati possono sempre essere sottoposti all’annullamento per incostituzionalità. Oppure in caso di modifica della Costituzione come la vuole Renzi, i padroni dei soldi e detentori dei mercati delle monete e dei debiti pubblici potranno imporci norme capestro, come il bail in, con cui si usano e ci tolgono i nostri risparmi, anche contro la nostra sovranità democratica. Per giunta potranno farlo neanche a caro prezzo, bastandogli solo un pò di mance ai banchieri nostrani grandi sponsor di una casta di politici di ventura.

 

Banner

Si ringrazia Italia CMS per l'uso della mappa d'Italia