Il Fisco del ministro prestigiatore

Avremmo voluto dire “finalmente era ora”. Finalmente perché, dopo un paio di sberle elettorali, la maggioranza politica ha finalmente capito quali sono i problemi dei cittadini italiani, e comincia a parlare di riduzione delle tasse per aumentare i consumi.
Ed allora, per noi consumatori, che non abbiamo partecipato al teatrino della politica, per comune mancanza di interesse loro nelle nostre proposte e noi nelle loro polemiche futili, ora forse sarebbe il caso di ricominciare a proporre, nella speranza che le sberle possano aver reso le orecchie più sensibili. Leggi tutto “Il Fisco del ministro prestigiatore”

Ma è possibile che non si capisce?

Ma cosa deve succedere affinchè i nipotini del gloriosissimo partito comunista riescano a capire che non stanno capendo niente. Possibile che per capire non basta che i sindacati sono costretti a firmare accordi con la riduzione del 30% dei salari; che la qualità della vita delle grandi masse è arretrata di trenta anni; che un Presidente della repubblica proveniente da una precisa area culturale esprime la necessità di una cessione di sovranità democratica ad organismi non eletti democraticamente e controllati dalla finanza speculativa, storicamente avversaria e controparte del mondo del lavoro; Leggi tutto “Ma è possibile che non si capisce?”