Siti utili Associazioni


Campagne politiche


Sottoscrizione leggi iniziativa popolare


Chi siamo


L'Organizzazione


La vignetta più bella


10 domande a B. De Vita


Editoriali di M. Albanesi


Da dove veniamo


Il Punto di M. Novelli


Alcuni dati utili su come investire consapevolmente i propri risparmi in tempo di crisi PDF Stampa E-mail
Il Punto di M. Novelli

Alcuni dati utili per decidere consapevolmente come investire i propri risparmi in momenti di crisi.
Un suggerimento a Tremonti.

 

Investire ora i propri risparmi in prodotti finanziari?

La guerra Euro-Dollaro+sterlina+franco svizzero sta colpendo – grazie alle azioni di commando poste in essere dalle società di rating – gli anelli più deboli di Eurolandia: Grecia, Irlanda, Portogallo, Spagna e da qualche giorno, l’Italia.

In tali frangenti, caratterizzati da bruschi picchi nei tassi di interesse che gli stati considerati a rischio devono offrire per rendere appetibili agli investitori i loro titoli del debito pubblico, gli analisti finanziari più accorti fanno coincidere i loro consigli col vecchio adagio: “Meglio tenerli nel materasso!” Suggeriscono, in altri termini, di “tenersi liquidi”, cioè di tenere i propri risparmi sul conto, a disposizione immediata per un utilizzo senza problemi, in attesa che l’orizzonte torni ad essere meno plumbeo e l’andamento finanziario più stabile e definito.

Alla luce di remunerazioni di conti correnti e di libretti di risparmio, ormai praticamente azzerate, molti risparmiatori ritengono che convenga comunque procedere all’acquisto di titoli di stato italiani, anche per piccole somme.

Ma per procedere ad investire in titoli, occorre essere titolari di una custodia titoli affiancata da  un conto corrente (definito di regolamento). Vedremo in seguito le eccezioni, cioè i prodotti che non obbligano alla sottoscrizione di una custodia.

Calcoleremo  quanto occorre investire per bilanciare rendimenti dei titoli di stato e costi dei servizi bancari, nell’ipotesi che metà della somma investita sia espressa in Bot e l’altra metà in altri titoli di stato

 

 

PER PAREGGIARE I CONTI TRA RENDIMENTI DELL’INVESTIMENTO IN TITOLI DI STATO

E COSTI DI UNA CUSTODIA TITOLI

 

Cominciamo col valutare i costi da affrontare per sottoscrivere i servizi bancari per poter investire in titoli di stato: custodia in amministrazione e relativo conto corrente di regolamento.

Inseriremo anche il costo di un acquisto di BOT annuali (0,30 per cento di commissione).

1)     Costo annuo per servizio titoli Custodia: 20 euro (solo titoli di stato). + 10 euro (recupero spese postali, accredito di 2 cedole). Totale 30 euro + bolli (34,20 euro, ante decreto). Totale costo 64,40 euro.

2)     Costo di Conto corrente a pacchetto che ipotizziamo dedicato esclusivamente alla custodia titoli: 150 euro + 34,20 di bollo.

Totale costo C/C: 184,20 euro

Il costo dei due servizi è pari a: 64,20(C/T)+184,20(C/C)= 248,40 euro

Ad esso aggiungeremo il costo per acquisto di BOT annuali per metà del valore della custodia (commissione dello 0,30 per cento) .

 

1) Ipotesi di rendimento precedente alla crisi

La fascia è chiaramente  quella esente da aumenti dei bolli (valore del portafoglio inferiore a 50 mila euro) imposta dalla recente manovra Tremonti.

Nell’ipotesi che:

-         metà dei titoli siano costituiti da BOT (rendimento annuo netto del 1,42 %) e l’altra metà da altri titoli di stato (rendimento annuo netto del 3,73 %), e che

-          si proceda nell’anno ad un acquisto di BOT annuali (commissione dello 0,30 per cento) vogliamo calcolare il valore della custodia (“x” nella formula che segue),  in grado di pareggiare i costi con i rendimenti,

questa è la formula:

248,40+ 0,30 per x/2/100  = 1,42 per x/2/100 +3,73 per x/2/100

(spese)                                 (rendimenti)

 

Da cui si ricava che, per pareggiare spese e rendimenti, occorre avere in custodia un portafoglio di titoli di stato almeno pari a 10.242 euro.

Quindi, con i valori ipotizzati (bolli a 34,20, rendimenti come indicato, un acquisto di BOT annuali), al di sotto dei 10.242 euro non converrà aprire una custodia per investire in titoli di stato, perché i rendimenti complessivi saranno inferiori alle spese totali.

 

2) Ipotesi di rendimento successivo al venerdì nero del 18-7-2011

Nell’ipotesi che metà dei titoli siano costituiti da BOT (rendimento annuo netto post venerdì nero – 18/7/2011- del 3,15 %) e l’altra metà da altri titoli di stato (rendimento annuo netto del 4,37 %), e che si proceda nell’anno ad un acquisto di BOT annuali (commissione dello 0,30 per cento) vogliamo calcolare il valore della custodia (“x” nella formula che segue), in grado di pareggiare i costi con i nuovi rendimenti.

La fascia è quella esente da aumenti dei bolli.

Questa è la formula:

 

248,40+ 0,30 per x/2/100  = 3,15 per x/2/100 +4,37 per x/2/100

(spese)                                 (rendimenti)

 

Da cui si ricava che, per pareggiare spese e rendimenti post crisi, occorre avere in custodia un portafoglio di titoli di stato almeno pari a 6.881 euro.

Quindi, con i valori ipotizzati (bolli a 34,20, rendimenti post crisi come indicato, un acquisto di BOT annuali), al di sotto dei 6.881 euro non converrà aprire una custodia per investire in titoli di stato, perché la remunerazione sarà inferiore alle spese.

 

Prodotti finanziari che non richiedono l’apertura di una custodia titoli.

Al di là del mantenere le somme risparmiate sul conto corrente o su un libretto di risparmio, esistono altri prodotti finanziari offerti da banche, Posta e SGR che non necessitano di un contratto di  custodia titoli.

Procediamo ad una loro elencazione avvertendo che ci asterremo dal  qualificarne caratteristiche, convenienze, rischiosità.

-         Libretti di risparmio

-         Conti correnti

-         Pronti contro termine

-         Certificati di deposito

-         Buoni postali

-         Fondi di investimento immessi in custodia cumulativa gratuita.

 

Ci limitiamo a suggerire di procedere ad  approfondimenti dei singoli prodotti in termini di:

 

-         rischio (tipo di titolo, paese interessato, settore economico coinvolto, tasso di interesse promesso ecc.)

-         quotazione

-         liquidabilità/vincolo temporale

-         tempi di messa a disposizione delle somme rivenienti dalla liquidazione

-         tasso contrattato

-         tassazione relativa

 

SUGGERIMENTO A TREMONTI PER AGEVOLARE L’ACQUISTO DEI TITOLI DI STATO.

Fino al 1999, era possibile sottoscrivere titoli di stato tramite ordini di acquisto inoltrati a Banca d’Italia in occasione delle varie aste, scavalcando il sistema bancario. Il titolare avrebbe poi ritirato, conservato e amministrato personalmente (stacco cedole, scadenze ecc.) i titoli materialmente stampati.

Dal 1999 la dematerializzazione dei titoli mobiliari, ridotti ad una riga informatica, ha obbligato al ricorso coatto al sistema bancario per l’ineludibile apertura di una  custodia titoli, denominazione oltretutto impropria, visto che i titoli (manto+cedole da staccare) non esistono più.

Suggeriamo a Tremonti di recuperare la possibilità di utilizzare il canale della Banca d’Italia per l’acquisto di titoli di stato da parte di cittadini non titolari di custodia bancaria. I titoli (la scrittura informatica) potrebbero essere immessi in una custodia cumulativa gratuita presso Banca d’Italia.

Si ricorda che la custodia cumulativa gratuita è un sistema di conservazione da sempre adottato dai fondi comuni di investimento per i sottoscrittori di quote che non hanno necessità di avere materialmente il possesso dei titoli.

Di questa soluzione, utile e soprattutto risparmiosa, si gioverebbe l’intera società, Tesoro compreso, tranne il sistema bancario che vedrebbe ridotti i titolari di custodia titoli, pari a 22 milioni di unità, come riporta la Relazione tecnica alla recente manovra.

La riattivazione di questo canale, permetterebbe ai sottoscrittori di investire anche piccole somme, specie in periodi di rendimenti bassi, quando la remunerazione è abbondantemente rimangiata dai costi dei servizi bancari.

Cliccare qui per visualizzare il sommario"

 

Banner

Si ringrazia Italia CMS per l'uso della mappa d'Italia